street art nei borghi

Street art nei borghi: quali vedere

La street art è un tipo di arte che ci piace tantissimo. Questo perché è pubblica e fruibile,  rappresentando l’ideale perfetto di arte per tutti e di tutti. La street art fa parlare di sé ed è spesso in bilico tra arte contemporanea e vandalismo, tra ammirazione e contestazione. Vi abbiamo già parlato di molti aspetti dell’arte di strada, ad esempio di quali street artist non perdere, di alcune buone pratiche nei progetti d’arte e di una riflessione sul ruolo della street art nella società

Ora però vogliamo parlarvi di come la street art sia un’importante strumento per la riqualificazione dei territori, non solo urbani come le grandi città, ma anche territori minori come i borghi. La street art nei borghi è sempre più diffusa grazie anche a festival internazionali che hanno l’obiettivo preciso di ridare vita al territorio, riqualificare case abbandonate e recuperare zone degradate. Fino a pochi anni fa erano soltanto pochi casi spot in tutta Italia: Comuni illuminati, associazioni, fondazioni artistiche, gruppi di giovani che si mettevano d’accordo per portare innovazione artistica anche nei borghi.

Oggi fortunatamente sono molti di più e sempre in crescita, per questo è il momento di fare un elenco della migliore street art nei borghi in Italia, dove trovarla e a quali eventi non mancare.

Civitacampomarano – Molise

Come prima tappa della street art nei borghi vogliamo lanciarvi una new entry: Cvtà Street Fest un evento tutto nuovo che quest’anno vedrà la sua prima edizione nel borgo di Civitacampomarano, nel Molise che non esiste solo per chi non sa vedere.

street art nei borghi

@Cvtà

L’appuntamento è dal 21 al 24 aprile e  per quattro giorni street artists italiani e internazionali renderanno le strade del borgo un museo a cielo aperto, dipingendo i muri delle case del paese. Un evento che vuole contrastare l’abbandono e stringere un legame tra passato e presente. Come prova che la street art è di tutti e per tutti, a Civitacamporamano (Cvtà nel dialetto locale) la comunità ha fatto a gara per mettere a disposizione di 6 street artists il muro o lo scorcio più bello. Ecco gli artisti che parteciperanno: Biancoshock, David de la Mano, Pablo S. Herrero, Hitnes, ICKS, UNO. Un modo niente male per iniziare a conoscere una delle regioni meno conosciute d’Italia!

Dozza – Emilia Romagna

Con questo posto giochiamo facile: Dozza è ormai in tutte le guide di street art nei borghi e questo primato è assolutamente meritato. I suoi murales sono diventati famosi in tutta Italia anche perché l’evento Biennale del Muro Dipinto si svolge da metà degli anni ’60 ed è ormai diventato un appuntamento storico. La Biennale di Dozza portava la street art nei borghi prima ancora che si sapesse di che cosa stavamo parlando!

Dozza è una meta obbligata per chi va alla ricerca di buone pratiche in campo artistico o semplicemente, un week end alternativo tra gusto e arte contemporanea.

street art nei borghi

@Travel On Art

Satriano di Lucania – Basilicata

Lo sapevate che è in Basilicata (altra regione che nessuno conosce, forse se siamo già alla seconda dovremmo farci delle domande) la capitale dei murales del sud Italia? Ebbene sì, si chiama Satriano di Lucania, ha poco più di 2000 abitanti e dal 1983 i muri delle sue case e delle sue vie sono diventati autentiche opere d’arte. Satriano conta oltre 150 murales che rappresentano leggende, tradizioni locali e scene di vita quotidiana. Anche qui, come a Civitacampomarano, è nata una vera competizione per mettere a disposizione degli artisti il proprio muro: quale sarà l’opera di street art più bella?

street art nei borghi

@mapio.it

Gemona – FVG

Gemona è stato uno di quei paesi completamente distrutti durante il terremoto in Friuli degli anni ’70. Da allora è stato il cemento il vero protagonista della sua ricostruzione. Per questo dopo diversi anni, l’associazione culturale Bravi Ragazzi ha deciso di riscattare il proprio paese organizzando l’evento Elementi Sotterranei a cui partecipano street artisti da ogni parte del mondo per dare nuova vita ai muri di cemento di Gemona. Sono ormai 9 le edizioni del festival e ogni anno c’è un nuovo tema su cui gli street artists si confrontano, lavorano insieme, organizzano incontri, laboratori e workshop anche per bambini, perchè l’educazione all’arte di strada deve iniziare fin da piccoli.

street art nei borghi

Ma la cosa che più ci piace del festival è che gli artisti alloggiano a casa delle famiglie di Gemona, portando così uno scambio reciproco tra arte, ospitalità e culture locali.

Sardegna

La Sardegna anche se con la sua storia millenaria e il suo territorio antico ricco di leggende ha dato prova di sapersi lanciare nell’innovazione. Avete sentito parlare del collettivo Aliment(a)zione e delle opere di Blu, Ericailcane, Tellas e Moneyless a Sassari?

street art nei borghi

@VisitaOrgosolo

Bene, in alcune zone più o meno degradate della città, potete vedere le opere di alcuni degli street artists più conosciuti in Italia, realizzate per far riflettere sulla situazione ambientale dell’isola, sull’economia europea e su altre tematiche di importanza comune.

Ma la storia della street art in Sardegna non si ferma solo alla città di Sassari, si potrebbe infatti fare un tour anche tra i borghi sardi della street art, tra questi: Fonni, Orgosolo, San Gavino, Serramanna e Mamoiada.

No Comments

Post A Comment

Condivisioni