Musei dog friendly: dove scoprire l’arte insieme al tuo cane

Quando siamo in viaggio insieme al nostro gigante buono Thor (un boxer di quasi 40 chili), spesso dobbiamo rinunciare a visitare musei e gallerie insieme, perché normalmente gli animali non sono ammessi.

Una prova l’abbiamo avuta durante il nostro primo road trip con lui tra Francia, Spagna e Portogallo, durante il quale abbiamo incontrato più divieti di ingresso che reale accoglienza. Viaggiare insieme al proprio cane, se sei un amante dell’arte, può rivelarsi non sempre facile, a meno che tu non vada alla ricerca di progetti di arte pubblica, che solitamente sono a cielo aperto e quindi accessibili a tutti.

Negli ultimi anni sono aumentati i progetti open air di arte urbana e di land art: per esempio la Biennale di SMACH in Val Badia per noi è diventato un appuntamento immancabile perché riusciamo ad unire il nostro amore per l’arte a quello per la natura, avendo Thor sempre con noi. 

Leggi anche: SMACH, la biennale di land art sulle Dolomiti!

smach land art
@Travel on Art

Ma non ci siamo fermate qui: facendo un po’ di ricerca abbiamo scoperto che sia in Italia, sia in altri Paesi europei, esistono alcuni musei dog friendly, che puoi visitare senza doverti separare dal tuo amico a quattro zampe.

Disclaimer: questi musei non fanno distinzioni tra cani di piccola e grande taglia. Ci sono realtà culturali che permettono l’accesso di cani di piccola taglia portati in braccio o in borsa, ma questa opzione per noi non è pienamente dog friendly quindi qui ti diamo qualche spunto sui musei realmente dog friendly che puoi visitare nel tuo prossimo viaggio insieme al tuo cane (senza preoccuparti della sua taglia)!

Musei dog friendly in Italia

Chiostri di San Pietro Reggio Emilia

Partiamo dalla nostra città, Reggio Emilia, e in particolare da due spazi culturali molto interessanti. I primi sono i Chiostri di San Pietro, nel cuore del centro storico: questo ex monastero apparteneva ai Monaci Benedettini e ha cambiato finalità di utilizzo più e più volte. Oggi ospita eventi e mostre molto importanti ed è una delle location di punta del famoso Festival di Fotografia Europea di Reggio Emilia. Qui i cani non sono vengono accettati, ma sono i benvenuti. 

Musei Civici di Reggio Emilia

Lo stesso discorso si applica ai Musei Civici, sempre in centro storico, che dal 2021 sfoggiano un super allestimento al piano secondo con la Collezione di Luigi Ghirri, su progetto di Italo Rota e dei curatori: anche in questo caso puoi visitarli con il tuo cane.

Leggi anche: Cosa vedere a Reggio Emilia, guida completa!

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia a Torino

Il nostro tour alla scoperta dei musei dog friendly riprende e andiamo a Camera Torino. Centro Italiano per la Fotografia. Questo spazio espositivo non solo è il luogo perfetto per chi ama la fotografia, con una collezione permanente in work in progress e tantissime mostre temporanee di alto livello, ma spicca per i progetti dedicati all’accessibilità e per un bookshop incantevole. Anche in questo caso potete visitarlo insieme al vostro amico a quattro zampe!

Flashback Habitat Torino

Rimaniamo a Torino, ma questa volta siamo a Flashback Habitat, che non è solo uno spazio fisico, ma un progetto che unisce arte e vita in un binomio potente e indissolubile. Oltre ad essere un centro completamente indipendente, ciò che contraddistingue questo progetto è che si tratta di un ecosistema dedicato a tutte le culture contemporanee.

Il Padiglione B è lo spazio espositivo dedicato alle mostre e anche qui gli amici a 4 zampe sono i benvenuti!

Peccioli e Palazzo Senza Tempo

Ci spostiamo ora in Toscana e precisamente a Peccioli, eletto come Borgo dei Borghi nel 2024 e con un patrimonio di arte contemporanea straordinaria. Passeggiando tra le sue vie e in alcune frazioni nei dintorni è possibile ammirare opere di Daniel Buren, Patrick Tuttofuoco, David Tremlett, Hidetoshi Nagasawa e tanti altri.

Un’altra tappa imperdibile a Peccioli è Palazzo Senza Tempo, nato da un progetto di Mario Cucinella Architects, che ha creato unitamente al restauro del palazzo, una passerella sospesa nel vuoto che regala un panorama sensazionale a qualsiasi ora del giorno e della notte. A Palazzo Senza Tempo puoi visitare delle mostre temporanee gratuite, accedendo con il tuo cane: insieme a Thor abbiamo visitato una mostra molto interessante dedicata ad Emiliano Ponzi. 

Leggi anche: Cosa vedere a Peccioli in 2 giorni!

mostre arte contemporanea da non perdere agosto 20220 peccioli
@Travel on Art

Musei Maremma in Toscana

In Toscana non dimenticare anche i Musei di Maremma che compongono una rete museale importante nella provincia di Grosseto. Sono tantissime le realtà che hanno deciso di aderire all’iniziativa dog friendly, permettendo alle persone di visitare questi spazi con i loro amici a 4 zampe: ecco la lista completa!

Altri musei accessibili ai cani all’estero

Oltre a quelli di cui ti abbiamo parlato in precedenza, ti vogliamo parlare di altri due musei dog friendly che si trovano all’estero:

  • il Museo delle Relazioni Interrotte di Zagabria
  • la Galleria Delimbo che ha sede a Siviglia e a Madrid. 

La Spagna in generale non è molto dog friendly e in effetti siamo rimaste stupite nello scoprire che proprio una galleria di arte contemporanea accetti i cani al suo interno.

Del Museo delle Relazioni Interrotte ti avevamo già parlato in un precedente articolo: lo abbiamo visitato con Thor durante un innevato pomeriggio di inverno e ne siamo rimaste conquistate. Sia per l’accoglienza sia per la ricerca di una chiave di lettura unica della collezione. Il museo è interamente dog friendly, l’unica richiesta è ovviamente quella di tenere i cani al guinzaglio.

Leggi anche: La nostra visita al Museo delle Relazioni Interrotte con Thor!

Un altro posto nella nostra wish list è la galleria Delimbo che ha due sedi: una a Siviglia e una a Madrid. Rappresenta artisti del calibro di Momo, Felipe Pantone, Okuda San Miguel, SatOne e Nano4814, ma non si limita ad essere solo un luogo espositivo: offre anche l’opportunità a diversi artisti di realizzare alcune residenze d’artista, stimolando quindi la creazione di nuove opere.

La galleria è interamente dog friendly, l’unica restrizione è nel caso in cui ci siano mostre con opere particolarmente fragili posizionate al suolo: in quel caso all’ingresso viene spiegata la situazione ai padroni e se il cane è abituato può comunque accedere senza problemi. 

Cosa fare se il museo non accetta i cani

Sono ancora tantissimi i musei in Italia che non permettono l’accesso ai cani: alcuni per chiari motivi di spazio, allestimento etc. Noi ti consigliamo comunque di fare un check sul sito web del museo che stai per visitare perché alcuni si sono dotati del servizio di dog sitting con la rete di Bau Advisor.

Per esempio possiamo citare Bologna in cui 9 musei civici hanno aderito a questa iniziativa, tra cui anche il Mambo, Reggio Emilia con Fondazione Palazzo Magnani e Roma con Casa Balla, il Chiostro del Bramante e molti altri.

Un commento su “Musei dog friendly: dove scoprire l’arte insieme al tuo cane

  1. laura gasparini ha detto:

    ma in italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *