Vanessa Mckeown e la sua colorata food art

Vanessa Mckeown e la sua colorata food art

Instagram è una fonte di ispirazione continua e ogni giorno abbiamo la possibilità di scoprire artisti nuovi e soprattutto molto capaci. Questo è il caso dell’illustratrice, fotografa e art director inglese Vanessa McKeown, laureata in Graphic Design e Comunicazione al Chelsea College of Art. La sua è una food art colorata e creativa, ma che cosa intendiamo con il termine food art?

Leggi anche: Florent Tanet e lo still life

La Food Art riconosce al cibo un forte ruolo estetizzante, sia esso reale (quando l’alimento ha un ruolo integrante nell’opera d’arte), simulato (quando ci troviamo di fronte ad un trompe-l’œil alimentare) che virtuale (quando non è cibo ma potrebbe esserlo). I lavori di Vanessa appartengono principalmente alla seconda categoria e colpiscono per la loro originalità, dote ammirabile visto l’alone di banalità che purtroppo pervade sempre più spesso questo ramo dell’arte contemporanea.

vanessa mckeown3

@Vanessa Mckeown

Con lei niente è come sembra, o quasi. Questa giovane artista ha iniziato a realizzare colorate immagini di cibo servendosi di oggetti quotidiani che col cibo non hanno nulla a che vedere. L’attenzione quasi maniacale ai dettagli e la cura millimetrica delle composizioni hanno fatto sì che nelle sue foto si realizzi appieno quell’effetto trompe-l’œil per cui dei semplici palloncini si trasformano in pomodori o acini d’uva.

 “Quella di mischiare oggetti provenienti da mondi diversi e renderli piacevoli alla vista è una pratica che mi è sempre piaciuta molto”.

Ma come è nata l’arte di Vanessa?

Utilizzando alimenti raccolti nel suo orto o in casa e mischiandoli con materiali improbabili che con il cibo non hanno nulla in comune. Mettendo insieme mirtilli e spugnette per le stoviglie crea delle simpatiche torte, unisce cialde e pezzi di carta colorata per inventare gelati e cheeseburger, appoggia degli ortaggi all’interno di piccoli contenitori aggiungendo un ciuffo di panna, e facendoli diventano invitanti cupcake. L’utilizzo di sfondi color pastello rende i suoi lavori ancora più iconici ed immediati.

Un esempio è la sua serie Fruloons & Vegaloons, in cui l’artista inglese si è concentrata  soprattutto su frutta e ortaggi mixati in modo del tutto surreale, attraverso l’utilizzo di semplici palloncini colorati, gonfiati in varie forme e dimensioni. Ci sono bucce di arance che nascondono all’interno palloncini arancioni, grappoli di uva formati da piccole sfere di plastica viola, e questi  sono solo alcuni dei soggetti che vengono ritratti dall’artista all’interno dei suoi collage. Uno stile unico e divertente, ricco di appeal, che ha reinventato le regole della food art contemporanea.


PH copertina: Vanessa Mckeown

Tags:
,
No Comments

Post A Comment

Condivisioni