Tatiana Shkondina e il cibo come arte

La relazione tra cibo e arte è sempre più stretta, soprattutto da quando il food è diventato materia di fotografia e di design. La fotografa e food stylist russa, Tatiana Shkondina, ha realizzato un progetto molto interessante,  in cui il cibo diventa il mezzo principale per riprodurre alcuni tra i quadri più famosi di tutta a storia dell’arte. Tatiana non si è servita di pennello e colori, ma di funghi e melanzane, pesci e cereali.

L’idea che ha ispirato questi lavori è quella di rendere omaggio ai grandi maestri della pittura, utilizzando un soggetto ricco di potenzialità creative: il cibo. Le opere, realizzate solo con alimenti freschi, vengono fotografate e subito scomposte, perché ciò che conta non è l’integrità dell’opera , ma il concetto di bellezza effimera, che può durare solo un attimo, ma non venire dimenticata mai.

tatiana shkondina

@Tatiana Shkondina

Tra le opere della Shkondina troviamo Il figlio dell’uomo di René Magritte realizzato con melanzane, peperoni e mele, formaggio e sale; una delleComposition di Piet Mondrian creata con anguria, cioccolato, yogurt e formaggio. La ‘Persistenza della memoria di Salvador Dalì si compone di impasto per pancake, cannella e semi di sesamo mentre una delle vedute del monte Fuji di Hokusai,Fine Wind, Clear Morning risorge da fettine di salmone unite a tè verde e riso.

Ma non dimentichiamo altri celebri pittori a cui la fotografa russa ha voluto rendere onore e gloria:”Il cielo stellato“di Van Gogh è stato trasformato in un piatto ricco di prelibatezze: dai mirtilli ai fagioli neri per lo sfondo al riso, i cui chicchi sono sparsi, in maniera quasi impercettibile all’occhio.

tatiana shkondina2

@Tatiana Shkondina

Anche la rappresentazione di “Segno del dollaro” di Andy Warhol, è stato interpretato in modo molto ironico e divertente, invitando ognuno di noi a riflettere sul proprio conto in banca, spesso al verde. Così l’artista russa è partita dalla stessa considerazione, quando ha scelto gli alimenti per questa fotografia: si è servita infatti di ogni cibo verde possibile come broccoli, cavoli e cavolini di Bruxelles per riprodurre il simbolo del dollaro.

Con le opere di Tatiana Shkondina tutti i grandi maestri della pittura sono diventati repliche che sorprendono per i colori e gli accostamenti, attraverso una forma d’arte che stupisce, solleticando anche un certo appetito!

 

 

No Comments

Post A Comment

Condivisioni