7 mostre d’arte contemporanea da non perdere ad aprile 2024

Aprile è il mese perfetto per sgranchirsi le gambe dopo i mesi più grigi e freddi dell’anno.

In queste settimane siamo state in trasferta tra Bologna, Firenze, Parma e abbiamo potuto vedere esposti alcuni dei nostri artisti preferiti come Bruno Munari e Anselm Kiefer. Quindi fidati di noi quando ti diciamo che la top list delle 7 mostre d’arte contemporanea da non perdere ad aprile 2024 è davvero promettente.

Se stai pianificando nuovi viaggi o weekend, qui troverai tante ispirazioni!

Mostre d’arte contemporanea aprile 2024: un viaggio d’arte!

La nostra primavera prevede già vari viaggi, alla scoperta sia di nuovi musei che di percorsi open air che sogniamo di vedere da tempo. Ma intanto in queste settimane ci siamo ritagliate il tempo per visitare alcune mostre che avevamo segnato sul calendario e non potevamo perdere.

Milano, Roma, Torino, Venezia, Parma, Bologna: la selezione di questo mese prevede tantissime installazioni, ma anche tele di grandi dimensioni, accenni di performance e molto altro, scopriamole insieme.

Bruno Munari – Fondazione Magnani Rocca

Fino al 30 giugno 2024 a Fondazione Magnani Rocca in provincia di Parma.

Per Bruno Munari coltiviamo una venerazione assoluta da tanti anni, per questo appena abbiamo saputo che la Fondazione Magnani Rocca avrebbe ospitato la più grande mostra italiana a lui dedicata siamo rimaste entusiaste.

In questa splendida villa d’arte immersa nel parco, a pochi passe dalle sale con opere di Canova, Burri e Morandi, puoi ammirare sia i lavori che le idee che Munari che elaborato in 70 anni di lavoro, in tutti i campi della creatività, come il design, la grafica, la pedagogia etc.

Ogni sua opera, che si tratti di una grafica o di un oggetto di design, risponde al suo metodo progettuale: unica nota negativa per noi è stata l’allestimento, non complice, ma solo ospitante della mostra e nel caso di un genio della creatività come Munari, speravamo in qualcosa di più.

Ti consigliamo di non perdere il parco della Villa e il bistrot (sono ammessi anche i cani).

mostre arte contemporanea da non perdere aprile 2024
@Travel on Art, Fondazione Magnani Rocca

FRONTIERA 40 Italian Style Writing 1984-2024 – MAMbo

Dal 13 aprile al 13 luglio 2024 al MAMbo a Bologna.

Per questa mostra, a causa di ovvi motivi temporali, dobbiamo ancora pazientare, ma quando abbiamo letto il progetto siamo rimaste incredule ed entusiaste.

FRONTIERA 40 Italian Style Writing 1984-2024 è un progetto espositivo che nasce dalla lunga ricerca dalla curatrice Fabiola Naldi rispetto al percorso intellettuale di una professionista straordinaria dell’arte contemporanea: parliamo di Francesca Alinovi, ricercatrice, critica militante e attenta studiosa dei fenomeni creativi più sperimentali emersi negli anni Settanta e Ottanta sia in Italia che negli Stati Uniti.

Questa mostra nasce da una scelta precisa: ricordare e celebrare il quarantesimo anniversario di Arte di frontiera. New York Graffiti, mostra ideata da un progetto di Francesca Alinovi, che si inaugurò nel 1984 alla Galleria comunale d’Arte Moderna di Bologna.

In mostra saranno presentati dei bozzetti di 178 autori, varie testimonianze del processo creativo di diverse generazioni di writers italiani e molto altro ancora: tra le mostre d’arte contemporanea da non perdere ad aprile 2024, questa è davvero un must have.

Anselm Kiefer. Angeli Caduti – Palazzo Strozzi

Fino al 21 luglio 2024 a Palazzo Strozzi a Firenze.

E ci risiamo con un altro artista che definire iconico è ormai banale. La mostra di Anselm Kiefer a Palazzo Strozzi a Firenze, che abbiamo visitato in occasione dell’inaugurazione, è il modo perfetto per entrare in contatto diretto con questo genio dell’arte contemporanea, attraverso un percorso espositivo che si snoda tra lavori storici e nuove produzioni.

Dall’inizio della sua carriera, Kiefer ha sempre lavorato in modo introspettivo, realizzando una profonda e stratificata ricerca su temi centrali della storia, della letteratura, della filosofia.

Le sue opere esplorano attraverso l’uso della pittura, della scultura, della fotografia e dell’installazione, le connessioni umane in un’ottica di eterno ritorno tra passato, presente e futuro. Imperdibile!

mostre arte contemporanea da non perdere ad aprile 2024 copertina
@Travel on Art, mostra Anselm Kiefer a Palazzo Strozzi

Carla Accardi – Palazzo delle Esposizioni

Fino al 9 giugno a Palazzo delle Esposizioni a Roma.

Carla Accardi è una figura preziosa del mondo dell’arte italiana, ma non solo: non bisogna mettere in secondo piano il suo grande impegno nella lotta femminista degli anni ’70, in quanto unica donna appartenente al gruppo astrattista e marxista Forma 1.

A Palazzo delle Esposizioni a Roma, è stata organizzata un’antologica per celebrare il centenario della sua nascita: proprio a questa città lei è stata intimamente legata perché dopo l’infanzia a Trapani, dove nacque, dal 1946 rimase a Roma fino alla sua scomparsa nel 2014.

In mostra si possono vedere circa cento opere che abbracciano l’intera biografia dell’artista e si evidenziano alcuni tratti salienti della sua ricerca artistica come la sua predilezione per i contrasti e la scelta identitaria di esprimersi attraverso il segno e l’attitudine a reinventarlo o reinterpretarlo.

Leggi anche: Guida all’arte contemporanea a Roma!

Pierre Huyghe. Liminal – Punta della Dogana

Fino al 24 novembre 2024 a Punta della Dogana a Venezia.

Pierre Huyghe nella sua ricerca artistica si è sempre posto delle domande sul rapporto tra l’umano e il non umano, concependo le sue opere come finzioni da cui emergono altre forme di mondo possibili.

In occasione di questa grande mostra a Punta della Dogana, Huyghe ha trasformato gli spazi in un’ottica di viaggio in costante evoluzione; per questo la mostra è una condizione transitoria, abitata da creature sia umane che non.

Con Liminal, l’artista ha deciso di porre in discussione i limiti entro cui siamo soliti muoverci in termini di realtà, fino a diventare estranei a noi stessi: oltre a nuove importanti creazioni, il percorso espositivo prevede varie opere degli ultimi dieci anni, provenienti in particolare dalla Pinault Collection.

“Je Vous Aime”. Diana Anselmo – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Fino al 13 ottobre 2024 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino.

Questa è una delle 4 mostre inaugurate a marzo alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo ed esplora il rapporto tra il pre-cinema e la storia di forte oppressione che ha caratterizzato la comunità sorda, focalizzandosi sulla prima proiezione cronofotografica del 1891.

Diana Anselmo, performer e attivista, ha usato delle immagini di archivio e delle produzioni video con il visual sign per esplorare le politiche abiliste e audiste legate alla nascita del cinema.

Un’opportunità per tutti noi di interrogarci sul concetto parziale di normalità e scoprire le opportunità di emancipazione che si possono costruire attraverso una narrazione visuale.

RACE TRAITOR. Adrian Piper – PAC

Fino al 9 giugno al Padiglione d’Arte Contemporanea a Milano.

Questo è un altro appuntamento che non poteva mancare tra le mostre da non perdere ad aprile 2024 perché si tratta della prima retrospettiva europea dedicata ad Adrian Piper a distanza di 20 anni.

Vincitrice del Leone d’Oro come migliore artista alla Biennale di Venezia del 2015, Piper si è affermata prima a New York e poi a livello internazionale come una delle artiste concettuali, minimalista e performer più famose e interessanti nella scena artistica newyorkese degli ultimi anni Sessanta, capace di porre domande scomode sulla politica, sull’identità razziale e di genere.

Il cuore della sua pratica di artista, ma anche attivista è la lotta senza sosta contro ogni forma di razzismo e ingiustizia sociale; in questo la sua ricerca ha ispirato nuove generazioni di artiste e artisti.

Questa mostra ripercorre interamente la sua intera carriera, con importanti prestiti internazionali provenienti dai più prestigiosi musei, come il MoMA e il Guggenheim di New York, il MoMA di San Francisco, l’MCA di Chicago, il MOCA di Los Angeles e molti altri: un appuntamento urgente e necessario, oggi più che mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *